8° Edizione di Viterbo che Studia

    Il Premio “Viterbo che studia” è una iniziativa che prende le mosse da quella che è la caratteristica principale del Rotary e che si riassume nel motto “Servire al di sopra di ogni interesse personale”.

      Con questi principi e finalità ogni club deve impostare la propria azione di servizio tenendo ben presenti il contesto sociale in cui opera ed il momento storico che lo caratterizza. 

      Il particolare momento che sta attraversando il nostro Paese travagliato da una crisi non soltanto economico-finanziaria ma anche socio-culturale richiede, per affrontarla e superarla, la mobilitazione e la risposta delle strutture e dei soggetti  della società civile che siano in grado, responsabilmente e proficuamente, di affiancare le istituzioni pubbliche.

     In questo delicato contesto sono i giovani, cui spetta di garantire il futuro del nostro Paese, ad essere indicati come i soggetti verso i quali indirizzare le attenzioni più concrete per assicurare loro orizzonti e scenari meno problematici di quelli che si profilano nell’attuale momento storico.

            “Più giovani meritevoli, più futuro per l’Italia” 

è quindi la formula che dobbiamo riscoprire se vogliamo arrestare il declino del nostro Paese e restituirgli nuove prospettive di sviluppo.

         Uno sviluppo non solo socio-economico ma anche, e soprattutto, culturale che potrà essere conseguito investendo sul mondo della scuola, luogo privilegiato per la formazione delle future classi dirigenti dell’Italia.

      E’ quindi un dovere di tutti adoperarsi perché l’istruzione pubblica possa fornire alle giovani generazioni una formazione che, sfruttando la preziosa eredità del nostro passato, sia all’altezza dei tempi.

       Ai giovani si chiede però anche il loro massimo impegno a cominciare da quella delicata fase di formazione che ricevono dalla Scuola.

      Occorre quindi fin da subito:

  Stimolare l’impegno –  Far emergere il merito – Premiare il risultato

     Sono queste le motivazioni che hanno indotto il Rotary club di Viterbo a dare vita, dall’anno scolastico 2011/2012, al concorso:

                            PREMIO  “VITERBO CHE STUDIA”

    L’istituzione del premio è resa possibile dalla sensibile ed encomiabile disponibilità della Banca di Credito Cooperativo di Roma che contribuisce ad assicurare il finanziamento per la concessione dei premi e dalla adesione convinta dei Presidi degli Istituti scolastici coinvolti.

      Il Ministro per l’Istruzione, con sua lettera personale, ha voluto sottolineare l’importanza del Premio.

     L’iniziativa, giunta oramai alla 8° Edizione, si concretizza con l’assegnazione di un premio in danaro di 200 euro ai tre studenti che, in ciascuna delle Scuole secondarie pubbliche di 2° grado del capoluogo (tre Licei e tre Istituti tecnici) conseguono, agli scrutini del 1° quadrimestre (o trimestre) dell’anno scolastico, la migliore votazione con una media di almeno 7/10. 

      La cerimonia di consegna dei premi ai vincitori si svolge nell’Aula Magna della locale Università degli Studi della Tuscia alla presenza delle massime autorità civili, religiose e militari della provincia e di quelle scolastiche del capoluogo.